Vitamine per la salute

Parliamo di quanto sono importanti le vitamine per la salute.

Partiamo dal dire che le vitamine fanno parte di una categoria di sostanze, o meglio nutrienti, che si definiscono MICROnutrientri, in parte perché sono “piccoli” nutrienti e in parte perché sono presenti e (forse) necessari in misura minore rispetto ai MACROnutrienti (carboidrati, grassi, proteine e acqua).

Qualcuno potrebbe considerarle quindi superficiali o non particolarmente essenziali anche perché, come ci hanno sempre insegnato, le vitamine sono nel cibo, nella frutta e nella verdura, basta mangiare questi alimenti e il gioco è fatto.

Vitamine per la salute: pubblicazioni scientifiche

Ad esempio, in uno studio pubblicato, da Davis, nel lontano 2004 sul Journal of American College Nutrition, sono state analizzate le composizioni nutrizionali di più di 40 colture da giardino, dal 1950 al 1999.

Ebbene, venne fuori che tutti gli alimenti mostrarono una diminuzione dei nutrienti e nello specifico parliamo di una riduzione del contenuto di PROTEINE, CALCIO, FOSFORO, FERRO, RIBOFLAVINA (vit. B2) E ACIDO ASCORBICO (vit. C). Tutto questo avvenuto in circa cinquant’anni.

Cosa dice lo studio scientifico?

“OMISSIS … Gli sforzi per allevare nuove varietà di colture che offrono maggiore resa, resistenza ai parassiti e adattabilità climatica hanno permesso alle colture di crescere più grandi e più rapidamente, ha riferito Davis, ma la loro capacità di produrre o assorbire nutrienti non ha tenuto il passo con la loro rapida crescita …

… Probabilmente ci sono state anche diminuzioni di altri nutrienti, ha detto Davis, come MAGNESIO, ZINCO e vitamine B6 ed E, ma non sono stati studiati nel 1950 … OMISSIS”

Questo è solo uno studio di diversi anni fa ma credo sia improbabile credere che oggi – ad oltre 20 anni di distanza da quel 1999 – la qualità nutrizionale dei prodotti agricoli che mangiamo sia migliore o migliorata.

Mangiare del cibo con la convinzione che questo apporti una determinata quantità di un certo micronutriente o di una certa vitamina potrebbe portarci ad avere delle micro-carenze, latenti, subcliniche, subdole.

Se parliamo, ad esempio, di acido ascorbico, sappiamo che la sua ASSENZA comporta la comparsa di una malattia MORTALE che prende il nome di scorbuto ma, oggi, non muore nessuno di scorbuto perché tutti quanti riusciamo ad approvvigionarci di acido ascorbico seppur in minime quantità…

Queste minime quantità ci garantiscono la tutela contro lo scorbuto MA questa MINIMA quantità è davvero sufficiente a farci stare bene?

La vitamina C partecipa ad una molteplice serie di reazioni metaboliche nonché fattore essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario.

Quindi sono sufficienti due arance al giorno come ci dicono da sempre?

Vitamine per la salute: siamo tutti carenti?

Lo stesso discorso lo possiamo fare per la vitamina D. Siamo tutti carenti, gli abruzzesi, gli italiani, tutto il mondo.

In questo recentissimo lavoro di gennaio 2020 viene messo ALLA LUCE il problema GLOBALE della carenza di vitamina D e viene suggerito, tra le altre cose, un metodo semplice che venne adottato in America nei primi anni del 900 quando fu scoperto il rachitismo e l’osteomalacia, malattie ossee causate dalla sua carenza.

Vitamine per la salute: la carenza di vitamina D

“OMISSIS … La carenza di vitamina D è molto diffusa nel mondo occidentale. In Europa, la carenza di vitamina D … è stata osservata nel 40% dei partecipanti … GRAVE … nel 12,5%. Una revisione sistematica del mondo sullo stato della vitamina D ha mostrato che il livello sierico medio era inferiore a 50 nmol/L in un terzo di tutti gli studi …

… Un approccio ragionevole, suggerito da un gruppo di lavoro della European Calcified Tissue Society, è quello di attuare programmi per stimolare la fortificazione degli alimenti con colecalciferolo …

… Questo o un approccio simile in linea con le abitudini alimentari locali aumenterebbe lo stato della vitamina D in tutto il mondo. Tale approccio di fortificazione ha avuto molto successo in Finlandia, dove la prevalenza della carenza di vitamina D tra la popolazione è diminuita dal 50% nel 2000 al 6% nel 2011 … OMISSIS”

Fonti:

https://www.scientificamerican.com/article/soil-depletion-and-nutrition-loss/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15637215

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6957985/